www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

SE DEVO ESSERE SINCERA...

di Danila Elisa Morelli©

Adelaide insegna lettere in una scuola superiore in cui gli studenti sembrano gareggiare in ignoranza .

Adelaide è sposata con Renzo, istruttore di scuola guida. Vive nel continuo sospetto, non infondato, che Renzo la tradisca con Irina, un'allieva tanto procace quanto apparentemente inabile a conseguire la patente. D'altronde sono anni ormai che il suo matrimonio non va: la passione è inesistente ed i complimenti... beh, il massimo che Renzo riesce a dirle è: "Bella? No, bella no. Sei più... un prodotto di nicchia".

Adelaide ha una figlioletta, simpatica quanto lei, una madre, attenta e spigliata, ed un'amica alla quale confida tutto.

Ebbene, succede che, tra un collegio docenti ed una litigata con il marito, Adelaide si trovi improvvisamente invischiata in un'indagine di omicidio. Chi è la vittima? No, non è Irina... Si tratta di una supplente, lei sì belloccia, giunta da poco nella scuola. "Poco" dicevamo, ma abbastanza per risultare antipatica ad Adelaide...

 

E' questo l'avvio di "Se devo essere sincera...", film interpretato da Luciana Littizzetto. Scritta a quattro mani da Anna Pavignano e dalla stessa Littizzetto, la pellicola si ispira a La collega tatuata, romanzo giallo di Margherita Oggero. Dietro la macchina da presa, un torinese d'adozione: Davide Ferrario, il quale, già artefice di quel piccolo capolavoro intitolato "Dopo Mezzanotte" (con Giorgio Pasotti, Francesca Inaudi e Fabio Troiano), si dimostra anche in questa occasione abile regista, capace di caratterizzare un "filmetto" leggero leggero con inquadrature particolari e movimenti di camera inusuali.

Affianco a Luciana Littizzetto, brillante come sempre, sono impegnati: Dino Abbrescia (Renzo), Donatella Finocchiaro (l'amica), Fabio Troiano (insopportabile fidanzato dell'amica) e Neri Marcoré.

Marcoré insiste, quindi. Dopo "Ravanello Pallido", torna a lavorare accanto all'attrice torinese in questa nuova commedia. Il suo ruolo è cruciale: interpreta Gaetano, il commissario di polizia che, incaricato delle indagini sull'omicidio, farà perdere la testa alla protagonista coinvolgendola in una passionale relazione adulterina... Alla fine Adelaide dovrà scegliere se tornare a vivere il solito tran tran con l'uomo a cui vuole bene o continuare a divertirsi con quello a cui vuole un po' meno bene...

"Se devo essere sincera" è un film senza troppe pretese, onesto: si ride e si sorride grazie ad una serie di sagaci battute, la regia è buona e gli attori sono tutti convincenti nei loro ruoli. C'è un però: il mix tra commedia e giallo non funziona a dovere e lo svolgersi delle indagini diviene, col passare dei minuti, un intermezzo sterile inserito un po' a casaccio all'interno di una simpatica storiella di corna.

Girato e Torino e distribuito dalla Medusa, il film, realizzato grazie al sostegno della Film Commission Torino Piemonte, sarà nelle sale a partire dall'8 ottobre 2004.

(foto: ufficio stampa)