www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

MARLENE KUNTZ

Di Danila Elisa Morelli©

Della leggendaria attrice Marlene Dietrich si diceva che nascondesse due anime, una dolce come la carezza evocata dal nome suadente e l’altra forte come lo schiaffo suggerito dall’ultima sillaba del cognome.

Ebbene, uno dei motivi per cui Riccardo Tesio e Luca Bergia decisero che il loro gruppo dovesse chiamarsi Marlene Kuntz (si pronuncia “marlene cantz”) proprio questo: richiamare un’epoca storica, rappresentare un apparente contrasto, sottolineare i diversi registri della loro musica.

Riccardo ha infatti dichiarato: “Prima venuto fuori Marlene. Ci piaceva evocare la cultura ed il decadentismo tedeschi, il romanticismo. A Marlene volevamo aggiungere un'altra parola e alla fine venuto fuori Kuntz, che il titolo di una canzone dei Butthole Surfers…”.

Nati a Cuneo quattordici anni fa, dopo anni di fruttuosa gavetta, i MK sono ormai noti al grande pubblico anche grazie al fortunato singolo che vide il cantante della band cuneese Cristiano Godano duettare con Skin, allora carismatica leader degli Skunk Anansie. L’appuntamento per ascoltare dal vivo “La canzone che scrivo per te” e molti altri brani del loro ricco ed originale repertorio (compresi quelli del recente album Senza Peso) questa sera al Palastampa di Torino.