www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

AVRIL LAVIGNE: è nata una stella

di Danila Elisa Morelli©

Il titolo del suo primo singolo, “Complicated”, ben si adatta ad Avril Lavigne. Questa diciassettenne canadese, capace in poche settimane di stravolgere le classifiche discografiche di mezzo mondo, è un’antitesi vivente: a vederla, così minuta e graziosa, nessuno penserebbe che sia un’agile skater, che adori la musica punk, che ami comporre brani “arrabbiati”.

Un vero e proprio maschiaccio, una specie di Alanis Morissette più bella, più giovane, più moderna. E perfino più determinata, se è vero che a diciassette anni la Morissette era una cantante pop acqua e sapone con tanto di capelli cotonati e aria da brava bambina mentre, alla stessa età, Avril Lavigne si presenta già con una forte personalità ed una grinta inusuale.Una potenziale gallina dalle uova d’oro.

E infatti i più esperti avvertono nell’aria l’intenzione di fare di lei un fenomeno musicale: le emittenti tv specializzate programmano il suo video a ritmo incessante, le radio hanno iniziato ad inserire “Complicated” tra i brani a pesante rotazione e su Internet esistono già il sito ufficiale (http://www.avril-lavigne.com/indexframes.html) ed una serie di link a suo nome.Siamo di fronte ad un nuovo teen-pop idol destinato a durare lo spazio di una stagione? Questo non è dato saperlo. Quel che è certo è che la fanciulla ha le idee spaventosamente chiare. Ancor prima di ottenere fama mondiale, Avril ha già un sito internet di prima categoria nel quale si definisce “Anything but ordinary”, tutto fuorché ordinaria.

Dalla sua biografia si deduce un talento precoce o perlomeno una precoce voglia di esibirsi in pubblico, di essere al centro dell’attenzione, di stupire gli altri con la propria naturalezza: “Sto emergendo e lo farò essendo me stessa: scrivendo ciò che sento. Non mi preoccupo mai di ciò che gli altri pensano: mi vestirò, mi comporterò e canterò sempre alla mia maniera... E’ il mio modo di vivere, non potrei mai avere una vita normale: morirei di noia!”

E’ per non morire di noia che a quindici anni lascia la sua città natale, Napanee (Ontario), un buco di 5000 anime, alla volta di New York City. Nella “Grande Mela” viene notata da un produttore, Antonio “LA” Reid che la ingaggia per la Arista Records. Ma a Manhattan Avril lamenta di essere troppo controllata: “lavoravo con persone di talento senza sentirmi appagata, le canzoni non mi rappresentavano a sufficienza: dovevo fare la mia musica!”. E così decide di trasferirsi a Los Angeles dove trova il produttore Clif Magness e la casa discografica già artefice del successo di Dido e dei Coldplay. Nel giro di alcuni mesi nasce l’album “Let Go” che arriva nei negozi a fine giugno ed in poche settimane, grazie al traino di “Complicated”, sale ai vertici delle classifiche d’oltreoceano. Ed ora Avril, fedele al suo motto “I want to rock the world” (voglio sconquassare il mondo), sta organizzando un tour di portata internazionale. Come potete vedere, la ragazza ha le idee spaventosamente chiare.