www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

Il Museo Egizio si tinge di giallo con il nuovo romanzo di Piero Soria "La ragazza francese"

di Danila Elisa Morelli©

Non è facile indagare su un omicidio il cui unico testimone non vede e non parla: l’assassinio di Manuel Ibarrez è stato commesso infatti nello statuario del Museo Egizio di Torino, ai piedi della splendida statua di Iside.

Per individuare il colpevole al commissario Lupo ci vorranno 328 pagine, quelle de “La ragazza francese”, l’ultima opera di Piero Soria presentata ieri sera presso la sede del Museo, affollata per l’occasione da pubblico e giornalisti.

Per sciogliere l’intricata matassa, Lupo dovrà affrontare una trasferta che lo allontanerà da Torino per condurlo nella cittadina francese di Beziers dove incontrerà un suo omologo in gonnella. Anzi, ad essere precisi, il commissario Thérèse Brualla non indossa la gonna né i pantaloni: la ragazza francese del titolo vive in un campo di naturisti ed è lì che riceverà Lupo, obbligato a condurre insolite indagini in deshabillé…

Gli ingredienti per intrigare il pubblico di lettori ci sono tutti anche se questa quarta avventura del personaggio ideato da Soria non è ambientata nella città sabauda come le precedenti: “Sì, qui c’è solo l’avvio della storia – ha dichiarato l’autore – Ero stufo di far girare Lupo a Torino, preferivo che la città fosse raccontata, evocata dagli altri personaggi i quali, come alcuni miei amici francesi che vengono a visitarla e tornano al Museo Egizio più volte all’anno, forse la conoscono addirittura meglio di noi”.