www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

IL TOPO TALPA? E’ UNA BUSSOLA

di Danila Elisa Morelli©

Il topo talpa deve il suo secondo nome alla passione per i tunnel sotterranei ed al fatto di essere praticamente cieco. A dispetto di ciò, la natura lo ha fornito di un talento davvero unico: esso infatti è in grado di orientarsi in base al campo magnetico terrestre.

Privo di occhi, il topo talpa trascorre la maggior parte del tempo scavando tunnel: essi costituiscono a lungo andare un vero e proprio labirinto in cui sarebbe sin troppo facile perdersi. Sorprendentemente però, l’animale si muove al loro interno senza nessuna esitazione, capace com’è di ritrovare senza intoppi la strada che conduce alla sua tana. Il segreto? Per le brevi tratte, olfatto e senso dell’equilibrio straordinari bastano, per distanze ad ampio raggio però non sono più sufficienti: “Nei viaggi più lunghi con tante curve e svolte, è facile perdersi se ci si basa solo su segnali interni – ha dichiarato al NewScientist Tali Kimchi dell’Università di Tel Aviv – Abbiamo così scoperto che i topi talpa adottano come strumento accessorio un riferimento esterno, il campo magnetico terrestre”.

La conferma è arrivata da una serie di esperimenti: una équipe formata da ricercatori israeliani e ginevrini ha costruito in laboratorio un complicato labirinto di tunnel in cui ha fatto muovere dei topi talpa e ha notato che questi “rispondevano” con il loro comportamento ad ogni modifica indotta artificialmente al campo magnetico circostante.

Questo sistema di orientamento è unico: il topo talpa è infatti il solo mammifero terrestre ad usarlo e, a differenza di quei pesci ed uccelli che lo utilizzano solo per prendere le coordinate di partenza, se ne serve costantemente, durante tutto il percorso.

Pare che questo speciale talento sia originato da alcuni cristalli magnetici siti nella regione olfattiva: “Forse anche noi umani abbiamo qualcosa di simile – ha detto Kimchi – Esistono infatti individui che vivono per lungo tempo in caverne e che sono in grado di sentire il nord anche nel buio più totale”.