www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

IL CALDO UCCIDE

di Danila Elisa Morelli©

Sia che faccia freddo, sia che piova troppo o troppo poco, sia che la colonnina di mercurio registri valori sopra la media: non esiste telegiornale che non preveda in sommario un servizio riguardante la situazione meteo. Notizie che possono rivelarsi scontate ed inutili: troppo spesso basta guardare fuori dalla finestra per rendersi conto del tempo che fa.

Eppure qualche notizia “fresca” sul clima ci sarebbe e riguarda il grido d’allarme lanciato da alcuni ricercatori statunitensi secondo i quali il progressivo innalzamento della temperatura sul nostro Pianeta rischia di determinare un preoccupante aumento di epidemie e malattie. Gli scienziati hanno denunciato il grave pericolo attraverso le pagine del Journal Science.

Secondo le loro stime, riportate dalla BBC News Online, le variazioni di temperatura, umidità e precipitazioni determineranno in poco tempo l’estendersi di malattie tipicamente tropicali in nuove zone geografiche: organismi di ogni tipo (vegetali, animali, lo stesso uomo) verrebbero a contatto con parassiti, virus e batteri sconosciuti in grado di determinare addirittura la scomparsa di intere specie. Queste ultime infatti non solo non saprebbero come difendersi rispetto ai nuovi antagonisti ma sarebbero anche straordinariamente debilitate proprio a causa del clima inusuale che causerebbe in loro uno stress, per usare il termine adoperato dal Professor Drew Harvell, in grado di renderle più vulnerabili. La ricerca, condotta appunto dagli scienziati guidati dal professor Harvell, proseguirà cercando di stabilire: l’incidenza delle malattie conosciute, gli effetti che il clima ha avuto finora sul loro diffondersi, la possibilità di prevedere i futuri sviluppi di queste e di altre patologie rispetto al mutarsi della temperatura, l’adattabilità degli agenti patogeni alla nuova situazione ambientale.

La dottoressa Ute Collier del World Wide Fund for Nature ha dichiarato: “Lo studio sottolinea lo stress che il cambiamento climatico determina su tutti gli esseri viventi e sull’ambiente. Il rischio crescente di malattie infettive rappresenterà uno minaccia in più per le specie già sofferenti per un clima che muta troppo rapidamente. La nostra salute e quella dell’intero Pianeta dipende da come affronteremo, ora, questa minaccia globale ”. Le fa eco il dottor Richard Ostfeld dell’Institute of Ecosystem Studies di New York: “Le malattie reciteranno una ruolo di prim’ordine sul palcoscenico del riscaldamento ambientale. Dobbiamo considerare seriamente l’aumento di temperatura del nostro Pianeta”.