www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

FILM PORNO PER I PANDA

di Danila Elisa Morelli©

In Cina non sanno più cosa escogitare per invogliare i panda cresciuti in cattività a riprodursi. Già in natura questi straordinari animali sono poco attivi sessualmente: tra i mille esemplari presenti allo stato brado si è appurato che in media una femmina dia alla luce un piccolo ogni due o tre anni. Le cose peggiorano per gli esemplari che vivono in cattività: essi sembrano privi di istinti sessuali, nel 60% addirittura totalmente immuni al fascino esercitato dall’altro sesso.

Stanchi di dover ricorrere all’inseminazione artificiale (anche perché i panda nati in questo modo difficilmente raggiungono l’età adulta), scienziati e ricercatori hanno cercato di risvegliare la libido di queste straordinarie creature sia con l’ausilio delle tradizionali erbe medicinali sia con le moderne pillole di Viagra. Il risultato è stato, in entrambi i casi, sconfortante.

Adesso il quotidiano Beijing Star Daily ha annunciato l’inizio di una nuova sperimentazione articolata in due fasi che potremmo definire preparatorie all’accoppiamento.

Innanzitutto ogni esemplare di panda verrà schedato: il suo profilo, inserito in una banca dati per “cuori solitari”, fornirà gli elementi per decidere quale possa essere il suo partner ideale selezionato in base allo stato di salute ed alle sue ascendenze.

Prima che l’incontro abbia luogo però bisogna risvegliare la libido, soprattutto quella dei panda maschi. E così, i ricercatori ricorreranno ad un metodo “innovativo”: le cassette porno.

La visione di materiale video scottante, in pratica le riprese di accoppiamenti tra altri esemplari della specie, ha già ottenuto un discreto successo: Ximeng, panda svogliato, si è trasformato nel giro di poco tempo in amante focoso e padre amorevole. Le “lezioni di educazione sessuale”, così le chiamano gli sperimentatori, sono tenute presso il Giant Panda Breeding and Research Centre sito a Wolong  dove, due volte al giorno, si può assistere alla proiezione dei film hard. La visione per ora è riservata ai maggiorenni il che significa, per i panda, l’aver raggiunto i 6 anni di età.

“Attraverso questo tipo di educazione sessuale – ha dichiarato Zhang Hemin, direttore del centro – ci aspettiamo un aumento degli istinti sessuali ed un miglioramento delle loro capacità di accoppiamento e di riproduzione”.

La speranza è quella di riuscire a determinare un aumento di numero che ne consenta il reinserimento nell’habitat naturale e che inverta la preoccupante tendenza attuale: in appena vent’anni i panda sono diminuiti della metà.