www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

RIAPRE IL SALONE… pardon LA FIERA DEL LIBRO

di Danila Elisa Morelli©

Da oggi e fino al 20 maggio Torino ospita la Fiera Internazionale del Libro.

Ecco la prima novità: “internazionale”. Da quest’anno la mostra mercato avrà questa qualifica che l’avvicina all’antagonista Parigi e le permette di facilitare la partecipazione di editori e Paesi stranieri rendendola sede di trattative per i diritti di traduzione e di edizione.

La seconda novità è che, nell’era di Internet e dei palmari, la Fiera apre i battenti sotto l’auspicio di una buona notizia, l’aumento del 10-15% di lettori italiani, un dato in controtendenza rispetto agli altri Paesi del mondo. E così non stupisce il fatto che i padiglioni disposti all’interno del Lingotto su 46mila metri quadri di superficie siano sommersi da volumi e tomi di ogni misura e colore, che partecipino all’evento più di mille case editrici, che la presenza degli stranieri sia in aumento e che si attendano almeno duecentomila visitatori (grandi e piccoli, se è vero che per i bambini esiste uno spazio riservato di ben 1200 metri quadri).

Il prestigio della Fiera è cresciuto. Torino, rimasta orfana del suo storico Salone dell’Automobile, si prende una parziale rivincita e vede tornare all’ombra della Mole anche le case editrici che se ne erano allontanate come la Mondadori che, dopo la diserzione di due anni fa e l’apparizione fugace dello scorso anno, quest’anno partecipa  alla rassegna con uno stand degno del suo nome.

 

La Fiera 2002 avrà come tema principale il Tempo, visto in tutte le sue possibili accezioni. Sfogliando il fitto calendario di appuntamenti si va da “Il tempo del mare e dell’avventura” (incontro tra l’autore Bjorn Larsson e Folco Quilici) a “Il tempo della verità – Il parto della Repubblica fu pilotato?” (previsto l’intervento di Amedeo di Savoia Duca d’Aosta), da “Il tempo nell’arte” (con la partecipazione di Vittorio Sgarbi) a “Se avete tempo, vi spiego il Tempo” (colloquio con Luciano De Crescenzo),…

Ma il tema principe verrà declinato anche nella sua più naturale dimensione attraverso l’esposizione di cinque installazioni straordinarie tra cui l'Orologio Vegetale di Linneo in cui le ore sono scandite dalle diverse specie di piante e fiori che aprono e chiudono le proprie foglie e corolle ognuna in un preciso momento della giornata e l’Orologio Atomico del professor Sigfrido Leschiutta dell'Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris di Torino, uno degli orologi che contribuisce a costruire la Scala di Tempo Nazionale UTC (IEN) con una precisione  assoluta, stimata in 10 elevato alla -14: un secondo di errore ogni 500.000 anni!

 

I NUMERI DELLO SCORSO ANNO

191.324 visitatori (di cui 14.350 operatori professionali), 264 convegni e presentazioni editoriali (cui hanno partecipato 75.000 spettatori), 850 scrittori e relatori, 6.500 bambini che hanno partecipato alle attività della Fiera, 1.736 giornalisti accreditati per 715 testate, oltre 1.080 articoli apparsi su quotidiani, periodici e stampa specializzata, 120 servizi televisivi e radiofonici, presenza su 150 testate on line rilevate. E infine, l'aumento delle vendite degli espositori, cresciute del 20%.