www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

E gli scaldamuscoli tornano in auge...

di Danila Elisa Morelli©

Il Fashion Dictionary li definisce “calze a coste che partono dal polpaccio per arrivare alla caviglia, senza piede, utilizzate dalle ballerine di danza classica e di moda negli anni ‘70”.

Spiegazione più che corretta se non fosse per la data…

Infatti gli scaldamuscoli, perché è di questo che stiamo parlando, dopo essere stati tanto in voga una trentina di anni fa, sono tornati in auge nel 2006.

Era dai tempi di Olivia Newton-John e del suo “Physical” che a Torino non si vedevano in giro gli scaldamuscoli… ad indossarli per moda sono soprattutto le adolescenti che mostrano di apprezzare maggiormente quelli rigati a strisce orizzontali multicolori oppure quelli sexy, “a rete”, realizzati in tessuto elasticizzato ed utilizzabili sia sui polpacci sia sulle braccia.

Chi invece ricorre a questi accessori più per necessità che per vezzo, predilige quelli sobri, a tinta unita, provvisti di ghette che si infilano sulle scarpe o di elastici che li ancorano sotto il piede (così li indossa Lola nel telefilm spagnolo Paso Adelante).

Le marche più cool? Per le prime l’americana Leg Avenue, per le seconde Freddy e Dimensione Danza. I costi variano dai 10 ai 15€.

All’ombra della Mole sono molti i negozi che, intuita la tendenza, espongono in vetrina l’oggetto del desiderio: oltre ai punti vendita Calzedonia e GoldenPoint, ad offrire scaldamuscoli sono le mercerie più fornite, le rivendite di articoli sportivi come Spunky Action (via Moretta) o underground come Videomusic (via Po).