www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

GLI OGGETTI D'ARREDO: UTILI O FUTILI?

di Danila Elisa Morelli©

Parola d’ordine: mai essere banali, anche a costo di apparire ridicoli.

La moda esige infatti che anche il più piccolo oggetto d’uso domestico sia originale, spiritoso, fuori dalla norma e le vetrine dei negozi torinesi si adeguano. I punti vendita più trendy espongono di tutto: dall’utile al futile, purché stravagante.

Poco importa se si rischia di esagerare. E’ il caso, ad esempio, delle assi copri wc: si va da quelle con pupazzetti o fiorellini “fossilizzati” in una struttura di resina a quella (ai limiti del sacrilego) su cui campeggia addirittura il celebre angioletto dipinto da Raffaello. E che dire della carta igienica decorata a mo’ di foglio di giornale?

Ma non finisce qui: una volta “impreziosito” il bagno, bisogna assolutamente pensare alla cucina. Ecco allora le tovagliette all’americana in plastica trasparente al cui interno si muovono gel liquido e brillantini.

Oppure la damina in ceramica che, posta a centro tavola, ha il solo scopo di essere spogliata dai commensali: la sua gonna infatti è costituita dai tovaglioli. Per chi proprio non ne può fare a meno, c’è il pinguino porta-stuzzicadenti. Gironzolando per le vie di Torino è possibile vedere questo e molto altro: lo zerbino verde prato con fiori finti incorporati, l’accendigas con mani e piedi, …

Più l’oggetto è kitsch, più è costoso. Comunque, nonostante i prezzi, i giovani torinesi dimostrano di gradire queste stravaganti proposte: sono loro, infatti, i maggiori acquirenti.