www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

SIAMO TUTTI SOMMELIER?

di Danila Elisa Morelli©

In Piemonte la produzione media annua di vini si aggira intorno ai 3 milioni di ettolitri. La nostra regione è la prima in Italia per numero di denominazioni di origine, conta 28.000 aziende agricole ad indirizzo viticolo e 60 cantine cooperative con circa 15.000 soci.

Questi pochi dati (forniti dall'Enoteca del Piemonte) dovrebbero far pensare che amare il vino sia insito nel dna dei torinesi. Eppure non è un mistero che fino a poco tempo fa, soprattutto i giovani, preferissero al nostrano “Bacco” la frizzante rivale tedesca, la birra.

“La situazione è cambiata – dichiara Silvano Patrito, sommelier professionista nonché titolare dell’omonima scuola di degustazione sita a Cherasco – Dieci anni fa, un giovane quasi si vergognava di farsi vedere con un bicchiere di vino in mano. Oggi non più: il vino non solo è considerato un piacere per il palato ma viene riscoperto, di pari passo con la cucina italiana, come elemento fondamentale della nostra cultura”.

Insomma, ordinare un bel bicchiere di dolcetto o di barbera non è più out. Anzi, è tanto trendy che ordinarlo non basta più: bisogna saperlo degustare.
“Molti si iscrivono al corso base che permette, in appena sei lezioni, di conoscere le tecniche per un’ottima degustazione del vino. A seguirlo sono in eguale numero uomini e donne”.

Meglio i rossi o i bianchi?

“Il vino, quando è di qualità, è ottimo comunque. Io vengo da Barolo, da una terra che ha una forte tradizione di rossi. A livello nazionale esistono però anche eccellenti bianchi”

Ha notato errori ricorrenti tra i neofiti?

"Chi ricorre ad un corso, solitamente lo fa perché comunque è attratto dalla degustazione e quindi poco propenso a commettere gravi errori. In effetti però spesso si sottovalutano gli aspetti visivo ed olfattivo. La degustazione comporta 3 fasi che corrispondono ai tre sensi coinvolti: vista, olfatto e gusto. Chi vuole gustare deve prima riappropriarsi dell’olfatto, essere capace di annusare”.

Parliamo dei suoi corsi...
Sono articolati in tre livelli, ciascuno di sei lezioni. Il più richiesto, come dicevo, è quello di primo livello nel quale si comincia dall’abc, da come si tiene il bicchiere a come si versa il vino a come lo si gusta.

E chi volesse trasformare la passione per l’enologia in una professione? Per diventare sommelier qual è il percorso?
“Per diventare sommelier non basta un corso di degustazione: è necessario rivolgersi all’Associazione Italiana Sommelier”.

 

E allora, per chi fosse interessato: il sito dell'AIS è www.sommelier.it