www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

SCARPE DA GINNASTICA autunno inverno 2004.

di Danila Elisa Morelli©

PER LEI

Nel film Una donna in carriera Melanie Griffith interpretava una segretaria capace di “fare le scarpe” alla sua terribile capoufficio, una spavalda Sigourney Weaver. Parlando di scarpe non metaforiche, nella pellicola l’attrice faceva qualcosa che all’epoca nessuna donna italiana si sarebbe sognata anche solo di immaginare: si recava in ufficio indossando un elegante tailleur e calzando ai piedi non un bel paio di décolleté col tacco alto ma delle banalissime scarpe da ginnastica.

Circa venti anni dopo, molte torinesi dimostrano di avere adottato quella soluzione ritenuta, all’epoca, un po’ stravagante: nelle vie del centro, è un via vai di impiegate e professioniste per le quali la tenuta d’ordinanza prevede tailleur (gonna o pantaloni), collant e sneakers.

E se la segretaria interpretata da Melanie Griffith doveva, una volta giunta in ufficio, riporre le calzature comode per sostituirle con altre più eleganti, le donne in carriera torinesi oggi possono permettersi il lusso di non farlo perché le scarpe da ginnastica del terzo millennio sono, in molti casi, non solo pratiche ma anche piacevoli da guardare.

Ogni marca produce modelli il cui tocco glamour è ottenuto grazie a pochi, semplici, accorgimenti: alla tela si preferisce la pelle, a volta addirittura verniciata, i colori sgargianti lasciano il posto al bianco o al nero ed infine le stringhe, troppo sportive, sono eliminate in favore di discrete cerniere o di sottili fasce di velcron.

 

PER LUI

Non c’è partita. I torinesi battono le torinesi 1 a 0. A differenza delle donne, infatti, gli uomini hanno scoperto da anni che le scarpe da ginnastica si possono indossare in ufficio, per andare a passeggio, per uscire la sera.

C’è da dire però che questa “vittoria” è merito soprattutto della moda: è stato l’imporsi dello stile casual a far sì che l’abbigliamento sportivo diventasse “per lui” una delle possibili mise da sfoggiare in qualsiasi occasione con il conseguente proliferare di modelli tra cui scegliere.

La nuova tendenza è triplice.

Riposte in un cassetto le scarpette da boxeur tanto in voga lo scorso inverno, a farla da padroni saranno innanzitutto le tecnologiche. Della scarpa da ginnastica queste calzature hanno francamente solo l’aspetto: definirle opere di ingegneria risulterebbe più appropriato. Si tratta di modelli sofisticati che prevedono suola traspirante, cuscinetti ammortizzatori, molle elastiche e, nel caso della nuovissima Adidas One (in Italia a partire da dicembre), addirittura un microchip incorporato.

Le raffinate rappresenteranno invece la scelta più appropriata per chi ama indossare calzature comode anche sotto un completo elegante: in pelle, spesso monocromatiche, prevedono lacci a scomparsa e rifiniture di pregio.

Infine, per i nostalgici ci saranno quelle che potremmo definire “S&H”: le classiche sneakers anni ’70 torneranno di moda grazie alla versione cinematografica di Starsky&Hutch.