www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

LO SHOPPING? C'E' CHI LO FA IN PANETTERIA!

di Danila Elisa Morelli©

“Bianco o integrale? Piacciono entrambi ma nel secondo caso il più richiesto è quello di segale. I gusti variano molto da cliente a cliente. Certo gli anziani, per esigenze intuibili, prediligono quello a pasta morbida”: risponde così alle nostre domande Lina Bucci della Panetteria Racconigi. Ha appena terminato di servire una signora che, per la cronaca, si è fatta consegnare sei biove e ne ha ordinate altrettante per l’indomani.
Perché parlare in una rubrica di tendenze dell’alimento che arricchisce le tavole italiane sin dal II secolo a.C.? Semplice: perché anche l’arte bianca risente delle mode.
Per anni, ad esempio, le diete made in U.S.A. proibirono il pane in favore di cracker e fette biscottate. Niente di più sbagliato (il pane è meno calorico dei suoi derivati), eppure allora molti italiani abolirono questo alimento. Allo stesso modo, oggi l’imporsi del “mangiare sano” determina un aumento di offerta del pane integrale rispetto a quello a pasta bianca, ritenuto troppo “sofisticato”.
E i torinesi che fanno? Se ne fregano, seguono il loro istinto e sperimentano. Sì, sperimentano, perché da queste parti recarsi in panetteria significa affrontare un profumato viaggio interculturale. L’immigrazione, dal Sud Italia prima e dai Paesi Extracomunitari poi, ha arricchito la città dal punto di vista gastronomico ed i torinesi ne approfittano scegliendo ogni giorno, oltre alle classiche michette, pane azimo, toscano, pugliese, carasau,…