www.dael72.net

IN PRIMO PIANO

SHOWBIZ

CULTURA&SCIENZE

MOTE

WHO'S WHO

GALLERY

TOURING

homepage

@

CELLULARI: LE SUONERIE DI TENDENZA ED IL GALATEO.

di Danila Elisa Morelli©

In Italia hanno superato quota 50milioni, l'87% della popolazione ne possiede uno e, di questi, il 9% ne utilizza addirittura quattro. Certo, le stime sono nazionali, ma Torino non fa eccezione: anche qui i cellulari rappresentano un must.
All’ombra della Mole migliaia di telefonini squillano. Se tutti suonassero allo stesso modo, sarebbe il caos e l’articolo che leggete non avrebbe motivo di esistere.
Invece, archiviati i tempi in cui la scelta era limitata a drin più o meno prolungati, oggi ogni cellulare prevede decine di motivetti e parlare di tendenze in fatto di suonerie non è insensato.
Il perché è presto detto: ciascuno vuole sentirsi ben rappresentato dalla suoneria del proprio telefonino; essa è, di fatto, una sorta di biglietto da visita.
Per i più giovani l’imperativo è seguire la moda, anche a costo di dover cambiare “trillo” in continuazione: data un’occhiata alla hit parade, ordinano il brano più “in” rivolgendosi ad appositi servizi via telefono o Internet.
Gli over-25 amano invece essere originali: c’è chi sceglie la canzone preferita (Alex: "Sunday bloody Sunday degli U2: questione di stile"), chi va sul classico (Cristina: "Il valzer delle candele, triste e melodico"), chi ama la sigle dei cartoon (Chiara: “Lupin III, un mito!”) e chi, addirittura, divide la rubrica in due gruppi per godersi più suonerie (Rocco: "il tema di Indiana Jones è per gli amici e i parenti, quello di 007 per i contatti di lavoro").


UN PO' DI GALATEO...

"Mi sembra scortese far suonare il proprio cellulare durante una riunione: se proprio non lo si può spegnere, esiste pur sempre il vibracall!", "Se c'è una cosa che non sopporto è sentir trillare in teatro o al cinema: che ci vuole a spegnere il telefonino prima che inizi lo spettacolo?", "Ho litigato con il mio ragazzo perché le nostre cenette erano spesso disturbate da telefonate inopportune...: ecco, ne vieterei l'uso nei ristoranti!",...
Queste sono solo alcune delle opinioni raccolte intervistando i torinesi su tutto ciò che non dovrebbe rientrare in un ipotetico “galateo del cellulare”: "Odio chi, per passare il tempo, gioca con le suonerie - dice Giorgio, impiegato - Lo trovo inutile e fastidioso per gli altri. Non si tratta di galateo ma di semplice buon senso... ritengo non sia indicato anche l'uso dei cellulari nelle sale d'attesa e negli ospedali".
Chiunque possieda un telefonino, ha un’idea di quello che gli altri non dovrebbero fare, salvo poi cadere negli stessi comportamenti che critica. Non corre questo rischio Stefania, impiegata in un call centre: "Non reggo le suonerie e, quindi, non le uso. Ho lo stesso effetto, un semplice beep, che si attiva sia per le chiamate sia per gli sms".
I consigli dei torinesi? Ricorrere il più possibile al vibracall, utilizzare la segreteria telefonica che molti cellulari e tutti i gestori offrono come servizio e poi, fondamentale, tenere conversazioni private in luoghi altrettanto privati.